L’autrice Chiara Parenti ci parla

del suo ultimo emozionante romanzo

Un intero attimo di beatitudine

 

L’odore del mare, il vento che accarezza la faccia, l’abbraccio di un amico che non vedi da tempo… sono questi gli attimi tondi, perfetti, di gioia pura e semplice. Quelli per cui vale la pena vivere, insomma. Ma come viverli, assaporarli appieno e tenerli con noi? Chiara Parenti, autrice del romanzo Un intero attimo di beatitudine (DeaPlaneta) ci svela il segreto. E molto di più.

 

 

Un intero attimo di beatitudine. Un titolo che rimane in testa, e che assume nuove sfumature una volta finito il tuo romanzo. È per questo che vale la pena vivere? 

“Un intero attimo di beatitudine! È forse poco per colmare la vita di un uomo?” . Nasce dall’ultima frase de “Le notti bianche” di Dostoevskij l’idea di questa storia, una riflessione su quei preziosi istanti di felicità, quegli attimi fuggevoli che anche solo per poco ci riempiono l’anima di una gioia sconsiderata, facendoci amare la vita nonostante le sofferenze che spesso ci procura. Il sole che ti accarezza il viso in un tiepido mattino di primavera, un bacio che ti fa perdere il fiato, una chiamata inaspettata, un abbraccio silenzioso, il primo gelato dell’estate, una canzone quando ti torna in mente all’improvviso… Spesso, infatti, sono le cose più piccole e semplici a farci battere il cuore e farci dire sì alla vita, nonostante tutto. Daniel, il protagonista di questa storia è alla continua ricerca di questi ‘interi attimi di beatitudine’, di quella bellezza vera e pura che ferma il tempo e che è qualcosa per cui vale la pena di stare al mondo. Lui lo fa perché ne ha bisogno, per un motivo particolare che scoprirete, ma in fondo credo sia quello di cui abbiamo bisogno tutti noi.

Cosa serve per vivere davvero un intero attimo di beatitudine, qui e ora?

Come fa Daniel, occorre non limitarsi a guardare, ma a vedere. Vedere davvero. Il mondo che ci circonda, le persone, se stessi. Prendersi tempo, rallentare, aspettare. Tutte cose che oggi, nel modo frenetico in cui viviamo, riescono particolarmente difficili da fare.

Sappiamo che il personaggio di Daniel, protagonista del romanzo, ti è stato ispirato da tuo figlio. Chi ti ha ispirato invece il personaggio di Arianna?

Arianna l’ho creata io. Volevo che fosse l’esatto opposto, per cui ho preso le caratteristiche di Daniel e le ho ribaltate. Calmo e riflessivo lui, arrabbiata e impulsiva lei. Lui una presenza discreta, silenziosa, lei un uragano dai capelli rosso fuoco. Sono due poli opposti, due universi paralleli, che però, una volta entrati in collisione, sapranno creare qualcosa di nuovo, quasi magico. E soprattutto sapranno cambiarsi a vicenda. È Arianna stessa ad accorgersene, a un certo punto:  «Non posso fare a meno di pensare che ci stiamo cambiando a vicenda. È una metamorfosi impercettibile, silenziosa, ma inesorabile. Forse entrambi non sappiamo chi siamo, ma una cosa è certa: insieme siamo qualcosa. Qualcosa di davvero bello.»

Arianna e Daniel non potrebbero essere più diversi, eppure l’amore li travolge.  Cosa vede Daniel in Arianna e cosa vede Arianna in Daniel? 

Quando conosciamo Arianna, all’inizio della storia, ci troviamo davanti una ragazza. Ma quella che vediamo non è lei, e Daniel è l’unico che riesce a vederla per com’è davvero, perché riconosce in lei la sua stessa inquietudineSotto il suo sguardo attento e sensibile, giorno dopo giorno, Arianna si spoglia di quelle piume sgargianti e variopinte di cui si era rivestita per proteggersi dalle intemperie della vita ed emerge per chi è davvero. Una ragazza normale, che ha sofferto e ha paura di soffrire ancora. Proprio come Daniel. Quindi sì, sono diversi, ma alla fine nemmeno poi così tanto. E Daniel, con la sua straordinaria sensibilità, se ne rende conto: «Mi sono innamorato di te nell’esatto istante in cui ho incrociato il tuo sguardo inquieto. In quel momento ho avuto l’impressione di averti già conosciuto, come se in te riconoscessi al tempo stesso la mia sofferenza e la mia salvezza.»

Ricomporre diversamente i pezzi della propria vita e vivere, ricominciare a vivere: è quello che fa Daniel. Come si arriva a questa consapevolezza? 

Daniel ha vissuto gran parte della sua vita cercandone la bellezza. A un certo punto capisce però una cosa importante, che la vita a volte fa schifo. È ingiusta, ladra, beffarda. Non c’è un perché. Fa schifo e basta. Però il dolore fa parte della vita, è inevitabile, bisogna essere sempre pronti a farci i conti. Anche perché quello che non ci piace, che ci fa stare male, se lo accettiamo, ci fa crescere, altrimenti ci uccide. Quindi per necessità, per sopravvivere, ma soprattutto per rispetto per quel dono che è la vita stessa e la bellezza che comunque, nonostante tutto racchiude, trova la forza per andare avanti.

I tuoi romanzi hanno un grandissimo successo! Se esistesse una “ricetta” per scriverli, quali sarebbero gli ingredienti? 

Se esistesse una ricetta, saremmo apposto, ma purtroppo non è così. Per quanto mi riguarda ogni volta è una scommessa. Quello che metto sul piatto, è tutta me stessa, con le mie paure, le emozioni, le passioni, le idiosincrasie… Si dice che ogni libro è un figlio e davvero è così. Nasce dalle profondità di me, e spesso non capisco nemmeno io come.  So solo che ogni volta che inizio a scrivere una storia mi sembra di partire per un viaggio, vivere una nuova avventura, non so dove mi porterà o se piacerà, la speranza è che sia grande e meravigliosa, come quella di Daniel e Arianna.

 Instagram

Segui Top Girl Magazine
su Snapchat!


Avvia l'app, inquadra il logo, tieni premuto
qualche secondo e seguici!

Dal 19 luglio, torna il GIFFONI FILM FESTIVAL

Parte il 19 luglio la 49esima edizione del GIFFONI FILM FESTIVAL Come ogni anno, ormai da 49 anni (!), si ripete la magia del GIFFONI FILM FESTIVAL, la manifestazione cinematografica per ragazzi che si svolge a Giffoni Valle Piana.  Alla 49esima edizione, che si...

Parte ad ottobre IL COLLEGIO 4

Torna ad Ottobre il docu-reality IL COLLEGIO! Dopo il grande successo dei casting (con oltre 20 mila ragazzi pronti a giocarsi una chance) e l'attesa sempre più crescente testimoniata dai social, la Rai ha deciso di anticipare la messa in onda de IL COLLEGIO 4! A...

Lolita: esce il brano omonimo dell’ex concorrente di The Voice Of Italy

Esce oggi LOLITA, brano omonimo che segna l’esordio discografico della cantante che quest’anno ha partecipato a The Voice of Italy L'abbiamo conosciuta all'ultimo The Voice of Italy, dov'era in squadra con Gue Pequeno e dove è arrivata fino alle semifinali. Oggi,...

A un metro da te arriva in Dvd e Blu-ray

Il campione d’incassi A UN METRO DA TE arriva in DVD e Blu-ray in un’edizione ricca di contenuti extra Lo scorso marzo, lo abbiamo amato da morire sul grande schermo. Da domani, mercoledì 17 luglio, il film campione d'incassi A UN METRO DA TE arriva in DVD e Blu-Ray...

Federico Rossi e Paola Di Benedetto si sono lasciati

Federico Rossi e Paola Di Benedetto si sono lasciati! "La mia storia con Federico si è conclusa. Se avete imparato a conoscermi, sapete che in amore do tutto. Ma quando vedo mancare il rispetto non ci sto. Purtroppo, spesso, fidarsi non serve a nulla..." Su Instagram,...

Cara: ecco il suo singolo d’esordio, Mi serve

CARA: Una giovane cantautrice da tenere d'occhio CARA, 20 anni, da Milano, insegue il suo sogno di fare musica fin da bambina. Ha infatti frequentato la scuola musica Consorzio Concorde di Crema, nella sezione canto. Ha poi iniziato il suo percorso musicale con ...