Il Giglio d’oro è una magica storia d’amore che va oltre i confini terrestri: ce ne parla l’autrice, la talentuosa Laura Facchi

Il suo esordio nel mondo della letteratura YA non passerà di certo inosservato: Laura Facchi con il suo romanzo IL GIGLIO D’ORO (edito da DeA) ci regala un’avventura sci-fi da mozzare il fiato.Una macchia a forma di giglio rende unica e speciale la protagonista di questo libro che ha già conquistato una marea di fans in tutta Italia…

Noi di Top Girl abbiamo incontrato l’autrice e ci siamo fatte svelare parecchie cose interessanti sul libro… Leggete qui sotto!

  • Laura,IL GIGLIO D’ORO è il tuo primo libro YA.Come è nato?

Diciamo che questo libro è arrivato un po’ per caso.In questi anni c’è stato un grosso cambiamento nella mia vita:sono diventata mamma,con tutte le conseguenze del caso….Sono quindi entrata in questo mondo bello,che non conoscevo:quello dei giovani;la mia immaginazione si è aperta in spazi nuovi e sconosciuti-senza che la cosa fosse cosciente,intendiamoci.Ecco allora arrivare l’idea di un pianeta nuovo,chiamato Lundea…e da  lì è partito tutto!

  • Ma come procedi nella scrittura di un libro?Fai una scaletta?E,per curiosità ti chiedo:ti capita mai di avere “il blocco dello scrittore”?Se sì,come ti comporti in quel caso?

Di solito quando mi viene il blocco dello scrittore scrivo stupidaggini(ride- n.d.r)Sono piuttosto caotica,non sono un tipo ordinato,non riesco a dirmi “ora mi metto a scrivere dalle 9 alle 17”;puo’ capitare che mi metta a scrivere per 15 ore di fila…e rimanere un giorno intero senza produrre nulla…Diciamo che questo romanzo mi ha spinto ad essere più metodica ed ordinata;anche la scaletta ho impiegato un po’ a farla,ho avuto delle resistenze:pero’ poi mi sono accorta che era assolutamente necessaria!

  • Cosa ti piace leggere?Hai dei libri/autori preferiti?

Sono caotica anche nella lettura.Non riesco a seguire un solo filone e mi lascio attrarre da tantissime cose.Ho finito recentemente un romanzo spagnolo che mi è piaciuto molto,ho letto da poco Hunger Games,insomma mi piace spaziare!

  • E come senti che arriva l’ispirazione giusta?

L’ispirazione giusta puo’ arrivare da ogni dove;ho tantissime idee-sono una fabbrica di idee…la maggior parte(dire il 99%)è da prendere e buttare via,poi quando riconosci che arriva L’IDEA valida,beh allora la fai crescere!

  • Parliamo della protagonista del tuo romanzo,Astrid.Che ci racconti di lei?

Astrid è stato un personaggio che ho sentito da subito mio,ho cercato di tirare fuori la sua freschezza,di farla evolvere,di farla diventare più ironica.Ho cercato di “illuminarla”,ecco,diciamo così

  • Quando hai iniziato a scrivere?La scrittura è stata una passione precoce?

Da giovanissima,a causa di una malattia,ho passato tanto tempo in casa.In quel periodo ho sviluppato una smodata passione per la lettura,grazie anche a mia madre,grande amante dei libri.Probabilmente è nata li’ la mia passione.Amavo fare i temi a scuola,ero molto brava,tenevo un diario..insomma ho provato ad avventurarmi in questo mondo in maniera semplice e spontanea.

  • Come mai hai scelto proprio il giglio come fiore “simbolo”del libro?

Adoro il giglio e adoro il suo profumo;è una pianta molto resistente e mi ricorda la mia gioventu’ in Sicilia,dove vedevo piante di gigli crescere in maniera spontanea.A livello d’immagine penso che il giglio rappresenti in pieno cio’ che volevo raccontare nel romanzo

  • Pensi ci sarà un sequel del tuo libro?In fondo quel finale “aperto”lascia ben sperare noi lettori….

Poteva essere un finale “chiuso” dal mio punto di vista;pero’ nello stesso tempo ho in mente tantissime cose che potrebbero accadere in seguito…..speriamo ci sia un sequel…dipende da voi lettori!

  • Che consigli daresti a dei giovani “scrittori in erba”?

Direi  “stai attento a quello che scrivi,fallo con cura!”E’ tutto cosi’ veloce ora,non si rilegge nemmeno cio’ che si scrive;io consiglio di rileggere sempre,correggere la forma,non impoverire il linguaggio.Non avere fretta di condividere i tuoi pensieri!

  • E della tua attività come reporter cosa ci puoi raccontare?Hai girato il mondo e hai visto tante realtà diverse…Queste realtà continuano ad ispirarti anche ora che sei una scrittrice?E continui a fare la reporter freelance?

Assolutamente si’,queste realta’-sedimentate dentro me-continuano ad ispirarmi!Con la nascita di mia figlia mi sono fermata con l’attività di reporter:il pensiero di andare in paesi in guerra con una bimba piccola che mi aspetta a casa mi appare terrificante!Mettermi in una situazione di rischio ora è impensabile,mentre prima era all’ordine del giorno.Ho visto tantissime realtà,tantissimi mondi;eran situazioni paradossali:da una parte era affascinante perché conoscevi persone nuove,socializzavi,dall’altra parte era straziante perché c’era gente che moriva…

  • E parlando di giovani:quali libri consiglieresti di leggere?

L’amante di Marguerite Duras,che qualsiasi ragazza potrebbe tranquillamente leggere…poi i classici che non deludono mai:Charles Dickens,che consiglio sempre, e il teatro di Durrenmatt,per approcciare i più giovani a questo genere…

  • Ultima domanda:che messaggio vuoi lanciare dalle pagine del tuo libro?

Vorrei dire a tutti i giovani di essere sempre se stessi,di non avere paura di realizzare i propri sogni e credere nelle proprie capacità.Mai nascondersi!

Veronica De Lorenzo

 

Questo mese in edicola

 

Ogni mese TOP GIRL ti aspetta in edicola con interviste esclusive ai tuoi big, poster, tante news sulle tue celebs preferite, test, beauty tutorial, fashion trend, consigli psico e sex e... un oroscopo che ci becca!

 Instagram

Segui Top Girl Magazine
su Snapchat!


Avvia l'app, inquadra il logo, tieni premuto
qualche secondo e seguici!

Halloween 2018: 5 idee per passare una notte… da paura!

<CENTER><!-- [et_pb_line_break_holder] --><script type="text/javascript"><!-- [et_pb_line_break_holder] --><!--<!-- [et_pb_line_break_holder] -->var iol_affiliate = "topgirl";<!-- [et_pb_line_break_holder] -->var iol_width =...

Oysho Sport Hub: sbarca a Milano la palestra pop up di Oysho!

<CENTER><!-- [et_pb_line_break_holder] --><script type="text/javascript"><!-- [et_pb_line_break_holder] --><!--<!-- [et_pb_line_break_holder] -->var iol_affiliate = "topgirl";<!-- [et_pb_line_break_holder] -->var iol_width =...

Halloween 2018: come conquistare il ragazzo che ti piace durante la notte più paurosa dell’anno

<CENTER><!-- [et_pb_line_break_holder] --><script type="text/javascript"><!-- [et_pb_line_break_holder] --><!--<!-- [et_pb_line_break_holder] -->var iol_affiliate = "topgirl";<!-- [et_pb_line_break_holder] -->var iol_width =...

“La bellezza è essere orgogliose di quello che siamo”: intervista alla beauty guru Elisa D’Ospina

<CENTER><!-- [et_pb_line_break_holder] --><script type="text/javascript"><!-- [et_pb_line_break_holder] --><!--<!-- [et_pb_line_break_holder] -->var iol_affiliate = "topgirl";<!-- [et_pb_line_break_holder] -->var iol_width =...

Come decorare i dolci di Halloween in 5 minuti

<CENTER><!-- [et_pb_line_break_holder] --><script type="text/javascript"><!-- [et_pb_line_break_holder] --><!--<!-- [et_pb_line_break_holder] -->var iol_affiliate = "topgirl";<!-- [et_pb_line_break_holder] -->var iol_width =...

Elite: 5 cose che ancora non sai sulla serie fenomeno di Netflix

<CENTER><!-- [et_pb_line_break_holder] --><script type="text/javascript"><!-- [et_pb_line_break_holder] --><!--<!-- [et_pb_line_break_holder] -->var iol_affiliate = "topgirl";<!-- [et_pb_line_break_holder] -->var iol_width =...